Nel 2018 – Anno del TURISMO Europa-Cina

logo 2018 EU-China Tourism Year cut

Emblematicamente, l’inaugurazione del programma di eventi e  iniziative con cui migliorare i rapporti di collaborazione e intensificare gli interscambi dei flussi turistici tra l’Europa e la Cina si è svolta a VENEZIA, la città di MARCO POLO.

 

Nel 1271 il giovane Marco (secondo diverse fonti tra i 12 e i 19 anni) seguì il padre Niccolò e lo zio Matteo nel loro secondo viaggio in Catai. Attraversando l’Asia in tre anni e mezzo, i Polo raggiunsero Khanbaliq, l’odierna Pechino, dove Marco venne nominato consigliere dell’imperatore Kubilai Khan e, come suo ambasciatore, compì missioni nello Yunnan, inoltre in Tibet, Birmania e India. Dopo 17 anni di permanenza in Cina, e 24 dalla partenza, i tre italiani fecero ritorno a Venezia, dove arrivarono nel 1295.

IL MILIONE - miniatura

In seguito, nel 1298, Marco Polo venne catturato dai genovesi mentre era a bordo di un veliero della flotta veneziana sconfitta dai genovesi in una battaglia navale sull’Adriatico, e nei 14 anni di prigionia raccontò dei propri viaggi in Asia e della propria vita in Cina al pisano Rustichello, che raccolse le testimonianze in un resoconto in lingua d’oïl diventato celebre con il titolo de Il Milione – la cui trascrizione più antica rimasta è il Livre de Marco Polo citoyen de Venis, dit Million, où l’on conte les merveilles du monde conservato alla Biblioteca Nazionale francese (fonte originale).

Il testo ispirò Cristoforo Colombo a compiere la memorabile impresa e MAPPAMONDO di Fra Mauro - 1450le descrizioni dell’Asia di Marco Polo attorno al 1450 furono riportate in un planisfero, il Mappamondo di Fra Mauro conservato alla Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia, il cui disegno cartografico composto su pergamene incollate a un supporto ligneo è  corredato da quasi 3000 iscrizioni – toponimi e note storiche e geografiche – e raffigura il mondo come era visto e conosciuto dagli europei nel XV secolo, quando viaggiare era un’avventura verso l’imprevedibile.

Oggi invece riusciamo a calcolare esattamente le distanze e a raffigurare mappe che mostrano la realtà con precisione, anche dettagliate con molte indicazioni e informazioni e, nelle più recenti versioni digitali, approntate con funzionalità di ricerca che permettono di orientarsi, inoltre raggiungere la destinazione desiderata seguendo le istruzioni e persino di approfondire la conoscenza delle località e di individuare e contattare alberghi, ristoranti, bar e servizi di assistenza turistica.

Eppure un viaggio in Cina per gli europei e in Europa per i cinesi è ancora un’avventura… in particolare per globe-trotters e turisti “fai da te” in vacanze esplorative e per professionisti e periti nelle trasferte con tragitti complicati e soggiorni impegnativi e faticosi. Come evidenziato dai più esperti operatori di settore, le distanze che separano i paesi europei e la Cina oggi sono soprattutto culturali: lingue e scritture tanto differenti che rendono impossibile comunicare e abitudini tanto diverse che rendono difficile comprendersi a vicenda. Molti ostacoli possono venire rimossi tramite accordi tra le nazioni, come quello di cooperazione Italia-Cina siglato dalle rispettive rappresentanze in occasione dell’incontro a Venezia per l’appuntamento sino-europeo, e – soprattutto – con un approccio di avvicinamento reciproco, cioè tramite la ricerca, l’emersione e la divulgazione delle conoscenze sulle tante, anche “piccole”, cose in cui europei e cinesi sono più simili che diversi. Ad esempio, le tradizioni alimentari, come spiega Giovanna Ceccherini nell’articolo pubblicato nel luglio scorso sulla rivista CINA IN ITALIA (n° 7 / 2016) – per leggere il testo clicca sul titolo :

DIETA MEDITERRANEA E CUCINA CINESE

DM e cucina cinese

 

 

 

Le buone notizie dell’IY2017

Alla sua conclusione, l’ANNO INTERNAZIONALE PER IL TURISMO SOSTENIBILE consegna al futuro un’eredità importante, la Declaration on Tourism and Culture – Fostering Sustainable Development sottoscritta dai partecipanti alla II Conferenza Internazionale sul TURISMO CULTURALE che si è tenuta a Muscat, in Oman, nelle giornate dell’11 e 12 dicembre, il cui programma di riunioni e incontri ha focalizzato l’attenzione su 5 punti :

  1. Strengthen the synergies between tourism and culture and advance the contribution of cultural tourism to the 2030 Agenda on Sustainable Development and the 17 SDGs;
  2. Enhance the role of tourism and culture in peace building and heritage protection, especially in conflict affected areas;
  3. Promote responsible and sustainable tourism management of cultural heritage;
  4. Encourage a creative and innovative approach for sustainable urban development through cultural tourism;
  5. Explore the inter-linkages between culture and nature in sustainable tourism.

auguri 2018 UNWTO«This International Year will not end in December 2017 – ha dichiarato il  Segretario Generale dell’UNWTO, Taleb Rifai – All the work we have done together during this year needs to be sustained and expanded if we are to ensure tourism’s effective contribution to the 17 SDGs. We were, therefore, very pleased to have been able to launch the findings of the Tourism and SDGs report at the Closing Ceremony of the Year in Geneva on 19 December: developed in collaboration with the United Nations Development Programme, it looks into the links between tourism and the SDGs in national policies, in private sector strategies and sets recommendations for our common journey towards 2030».

Nelle analisi degli esperti di settore si evidenzia che proprio il sistema di valori e lo stile di vita della Dieta Mediterranea possono offrire molti strumenti di conoscenza e tanti esempi di “buone pratiche” utili al perseguimento dei Global Goals in ambito turistico. In particolare, per il turismo culturale, come dimostrato anche da alcuni “nostri” partner e compagni di viaggio nel 2017:

 

 

AVVENTO, NATALE ed EPIFANIA: festività “straordinarie” nell’IY2017

IY2017 - conferenza turismo culturale - OMAN 11-12 DICTramite i social-media sono già stati diffusi alcuni estratti di interventi della prima giornata della II Conferenza Mondiale sul Turismo Culturale organizzata insieme da UNWTO e UNESCO in Oman. il Segretario Generale dell’UNWTO, Taleb Rifai, e l’ambasciatrice per l’UNESCO, Dana Firas, rispettivamente hanno dichiarato che «The Sustainable Development Goals are our common goal, and can be achieved through sustainable tourism» e «Cultural heritage protection should be at the heart of tourism». II World Conference TURISMO CULTURALE - E J Reid speechAl discorso di Eliza Jean Reid, first lady d’Islanda, nell’occasione insignita Ambasciatrice Speciale per il Turismo Sostenibile, che ha affermato «There is a direct link between tourism and peace», sono seguiti gli interventi con cui la funzione di conservazione e tutela dei patrimoni artistici, archeologici e ambientali nelle zone colpite da conflitti bellici è stata messa in evidenza dai partecipanti al dibattito nel programma del convegno sul tema della ruolo svolto dal turismo culturale nell’incrementare la prosperità e diffondere e sostenere la pace.

II World Conference TURISMO CULTURALE - E J Reid

A gennaio scorso, IY2017 - auguri di pace cutl’IY2017 – Anno Internazionale per il Turismo Sostenibile – cominciava con alla diffusione del messaggio augurale dell’UNWTO: “May this new year’s journey bring you peace and joy”.

Contemporaneamente, un’accurata notizia diffusa dai sommozzatori sostenitori di Ocean4future –  una campagna per la tutela dell’eco-sistema marino – annunciava il ritrovamento di un “tesoro” scoperto nel relitto di una nave mercantile del IV secolo d.C. affondata nell’antico porto di Cesarea, un sito archeologico nell’area tutelata – il Parco Nazionale –  e una rinomata e frequentata località turistica gestita dalla proprietà – la Rothschild Caesarea Foundation – in collaborazione con le istituzione pubbliche. Un luogo nel “cuore” del Mediterraneo CESAREA Parco Nazionaleche rappresenta una meta d’interesse naturalistico e culturale molto significativa proprio in questo periodo dell’anno, e in quest’anno. Infatti proprio il 2017 trascorso all’insegna dello slogan Travel•Enjoy•Respect e scandito da molti eventi globali e tante iniziative locali che hanno prodotto effetti positivi, si conclude con fatti di cronaca internazionale che destano molte preoccupazioni sul futuro di Cesarea, anche un cittadina nello stato d’Israele. Gli eventi recenti infatti destabilizzano l’ancora precario e instabile, ma faticosamente raggiunto, equilibrio che dopo tanti anni di conflitti e atrocità aveva portato alla tregua nei territori contesi tra coloni israeliani e popolazione palestinese, Betlehem_Church_of_the_Nativitye ciò accade proprio nei giorni in cui tutto il mondo celebra il Natale e lo sguardo di tutti, religiosi e atei, si volge verso la Terra Santa e, soprattutto, alle sue città sante – Betlemme Nazareth e Gerusalemme, che ne costituiscono anche le principali mete turistiche – e Cesarea, una località di rilevanza storica e anche ideale per una vacanza di relax e benessere sulle sponde del Mediterraneo, in una “patria” della Dieta Mediterranea, paese di cui entrambe le cucine – DIVINE FOODpalestinese ed ebraica – sono due tradizionali che, come dimostrano due giovani chef berlinesi e un best-seller gastronomico, possono “convivere” pacificamente a tavola e sono entrambe tipiche.

Cesarea è un luogo “centrale” nel Mediterraneo e dove si sono svolte molte vicende commemorate proprio nel periodo delle festività natalizie. Fin dal III sec. a.C. era un’area di attracco molto importante, un approdo navale che faceva parte dell’esteso dominio marittimo dei fenici e, per il faro la cui costruzione è attribuita al re fenicio contemporaneo di Alessandro Magno denominato Torre di Stratone (Stratonos pyrgos – Στράτωνος πύργος ), l’insediamento è diventato strategico all’epoca dell’Impero Romano in Palestina. Infatti, alla nuova città sorta attorno all’antico porto venne dato il nome di Cesarea in onore di Gaio Ottaviano (raffigurato nella statua), nipote di Giulio Cesare e dal 27 a.C. al 14 d.C. suo successore con il titolo di Cesare Augusto. Durante il suo governo Roma sostenne l’iniziativa di Erode Ascalonita, re della Giudea dal 37 a.C. al 3 d.C. e un sovrano che nella storia d’Israele è detto il Grande perché, stringendo una forte alleanza con i dominatori, diede forte impulso ai commerci nel proprio regno, di cui rafforzò le difese costruendo il palazzo-fortezza Herodion e le roccaforti sui colli di Masada e Macheronte, abbellì la capitale, Gerusalemme, dove restaurandone le rovine ampliò il celebre Tempio di Salomone (qui raffigurato in un bassorilievo in gesso del XVI secolo conservato alla Sinagoga di Casale Monferrato) e le città di Sebaste (prima detta Samaria, dove è sepolto Giovanni il Battista) e Cesarea, dove tra il 22 e il 12 a.C. vennero costruiti un acquedotto e un sistema fognario d’avanguardia e furono edificati abitati civili, anche sontuosi palazzi, un grande tempio, un’enorme arena, un gigantesco ippodromo e l’imponente porto nei cui resti sommersi dei turisti responsabili (sommozzatori e archeologi dilettanti) recentemente hanno trovato questi reperti preziosi che ora arricchiscono il patrimonio del museo locale.

Come decritto da contemporanei e storici, il re Erode che costruì la splendida Cesarea e il suo magnifico porto era un tiranno molto ambizioso, autoritario e tracotante, tanto che non esitò a uccidere chiunque si frapponesse ai suoi piani o sospettasse di tradimento o infedeltà, anche i propri figli, e infatti è rimasto noto come il feroce responsabile della strage degli innocenti (qui raffigurata da Giotto nel ciclo di affreschi alla Cappella degli Scrovegni di Padova), episodio storico di cui riferiscono i Vangeli e che quest’anno è la trama di sfondo nel film di Natale, un cartone animato che racconta le vicende di un asinello e altri animali protagonisti della natività, dell’arrivo dei re magi a Betlemme e della fuga della sacra famiglia in Egitto. Una storia che nei paesi del Mediterraneo, soprattutto in Italia e Spagna, in particolare nei loro territori emblematici della Dieta Mediterranea, viene raccontata con una suggestiva forma raffigurativa, il presepe.

Dalla prima rappresentazione ideata e organizzata da San Francesco d’Assisi nel 1223 a Greccio, un borgo umbro nella provincia di Rieti ai confini con quella di Perugia e molto vicino a Roma – quest’anno in particolar modo perché nella capitale è stata rivolta molta attenzione alle iniziative dell’Anno dei Borghi Italiani, con le statuette nelle chiese e nelle case il presepe descrive i fatti della narrazione evangelica. La rappresentazione classica raffigura un borgo antico molto simile a Betlemme, e anche a Greccio, e un tempo le figure del Bambin Gesù, dei pastori e popolani, degli angeli e cherubini, della stella cometa e dei re magi venivano spostate nella “scenografia”. I protagonisti della storia così si muovevano nell’ambientazione seguendo la trama degli avvenimenti celebrati con le festività che cominciano con l’Avvento, dalla festa dell’Immacolata Concezione fissata all’8 dicembre alla veglia nella notte di Natale, culminano nei giorni dal 25 al 26 o 27 dicembre, che ricordano l’adorazione di pastori e della popolazione al Bambin Gesù, e si concludono con l’Epifania, ricorrenza dell’arrivo dei re magi a Betlemme, che oltre ai simbolici doni per il neonato portarono ai genitori la notizia del pericolo su di loro incombente, la minaccia di Erode.

Dopo la morte di Erode, la Giudea venne suddivisa in quattro più piccoli e dal 6 d.C. Cesarea fu eletta capitale della provincia romana, perciò residenza del procuratore imperiale come, dal 26 al 36 d.C., il celebre Ponzio Pilato, la cui presenza attestata dagli evangelisti nel 1961 è stata confermata dal rinvenimento di una lapide con l’iscrizione che riporta il suo nome e ruolo, un reperto ora conservato ed esposto al Museo di Israele di Gerusalemme. Come documenta l’Enciclopedia Treccani, “Da Cesarea, nel 66 d.C., partì la scintilla che doveva portare alla rivolta dei Giudei contro il dominio romano e quindi all’espugnazione e alla distruzione di Gerusalemme. In quell’anno, infatti, si ebbe una feroce persecuzione degli abitanti Elleni della città contro gli Ebrei, persecuzione alla quale gli Ebrei risposero con la caccia e la strage degli stranieri in Gerusalemme. Vespasiano e Tito accordarono a Cesarea le franchigie di colonia romana. Quando la provincia fu divisa in tre parti, Cesarea fu capoluogo della Palestina I. A Cesarea, che ebbe particolare importanza all’epoca della prima diffusione del cristianesimo e dell’organizzazione della chiesa primitiva“, i Romani tennero prigioniero l’apostolo Paolo “per ben due anni, l’inviarono a Roma, a Cesare, al cui tribunale egli si era appellato” e furono martirizzati molti santi: “Origene venne a cercarvi rifugio presso Panfilo, fondatore di una celebre scuola di teologia e di una biblioteca ricca di ben 30.000 volumi. Eusebio, il celebre storico della chiesa, fu vescovo di Cesarea”. Inoltre, la città ebbe fama all’epoca delle crociate: “quando Baldovino I, re crociato di Gerusalemme, con l’aiuto delle flotte pisana e genovese nel 1101 se ne impadronì, vi trovò molti tesori. Fra questi è da ricordare il cosiddetto Sacro Catino che la tradizione considera il piatto usato da Gesù per consumare l’agnello pasquale durante l’Ultima Cena, una reliquia conservata alla Cattedrale di Genova.

Tra i reperti romani recentemente ritrovati nel fondale marino di Cesarea spiccano due oggetti molto emblematici: una statuetta che rappresenta la dea Luna, un’immagine che, come molte raffigurazioni mettono in evidenza, l’iconografia cristiana ha “assimilato” nelle rappresentazioni della Madonna – in particolare nelle  immagini che mostrano la sua figura come Stella Maris e Assunta in cielo, come nel dipinto a destra, la Madonna di Foligno di Raffaello in esposizione ai Musei Vaticani, e un lume raffigurante il dio del Sole, ovvero l’astro natalis invicti il cui simbolismo è stato “assorbito” nelle celebrazioni cattoliche del Natale, un manufatto a cui è ispirato il lume dell’amore conservato nella di San Zeno a Verona, stella PRESEPI VRcittà dove dall’8 dicembre fino al è in esposizione la RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL PRESEPIO NELL’ARTE E NELLA TRADIZIONE  ideata e allestita a cura del project-leader UNESCO Alfredo Troisi.

In tutti questi, solo alcuni dei tanti, “segni”, simboli, emblemi e immagini in questo periodo sono rese evidenti le finalità di eventi, rappresentazioni, cerimonie, manifestazioni ed espressioni con cui in tutto il mondo si diffonde il messaggio di pace dello spirito del Natale che, come annotavamo lo scorso anno, anima la Dieta Mediterranea e, come proclamato in questi giorni a Oman dai rappresentanti di due enti dell’ONU – UNWTO e UNESCO, e di molte nazioni e di tante organizzazioni, aziende e associazioni che operano nei mondi del turismo e della cultura, si infonde e propaga nel mondo tramite il turismo culturale e sostenibile.

L’ANIMA DELLA DIETA MEDITERRANEA NELLO SPIRITO DEL NATALE
TURISMO SOSTENIBILE